Come sfruttare le VACANZE di NATALE per STUDIARE

 

Ma che bella questa atmosfera natalizia: ci sono la neve, i regali, la sessione d’esami che si avvicina, le luci, i fuochi d’artificio, le pagelle di fine quadrimestre, le renne, gli elfi, lo studio, l’allegria, la felicità, lo studio, il Capodanno, lo studio, il cotechino, lo studio…

Niente, ci ho provato, non ce la faccio a non pensare allo studio neanche nella mezz'ora in cui scrivo un articolo natalizio, è più forte di me…

E allora in questo articolo vedremo insieme come sfruttare il periodo delle vacanze per lo studio, sia per gli studenti universitari che per quelli delle scuole.

 Per prima cosa, dobbiamo nominare il leggendario…

 

MASTERPLAN

Ebbene sì: e io lo so che speravate tutti che, almeno in vacanza, si potesse fare a meno di pianificare, registrare tutta la vostra settimana, tenere traccia di tutte le attività che svolgete e quanto tempo vi impiegano, ma non è così: la produttività non conosce spirito natalizio.

E c’è poco da fare, se volete riuscire a sfruttare al meglio questo periodo di riposo per sistemare i conti con i vostri libri di testo non potete esimervi dall’essere organizzati.

Vi propongo però una soluzione di compromesso, una via di mezzo che vi farà tirare almeno un sospiro di sollievo.

Facciamo così: Masterplan sì, ma con una sostanziale differenza rispetto alla versione normale e completa che dovreste usare di solito:

Non pianificate le attività extra, il divertimento, il riposo, la socialità, le feste, il cazzeggio… lasciate tutto libero e godetevi il momento, andando nel dettaglio solo ed esclusivamente di ciò che dovete studiare e delle ore in cui è necessario che siate efficienti. Meglio di niente.

 

GIORNI DI FESTA

Altra cosa che mi sento di consigliarvi caldamente, qualunque tipo di studente voi siate, è di prendervi qualche giorno tattico di stacco totale dallo studio. Avete bisogno di almeno un qualche momento per ricaricarvi, ne va della vostra salute mentale.

Vi propongo di fare pausa completa e senza eccezioni in due tranche:

 

  • La prima è parte da domani il 24 e prosegue anche il 25 e 26, per godervi appieno gli infiniti pranzi parentali talmente lunghi che si perde la cognizione di che giorno sia, se sia un pranzo, una cena, il brunch del giorno dopo o se si è tristemente trapassati a tavola dopo la settima fetta di pandoro ricoperto di mascarpone.

 

  • La seconda è più piccola, di due giorni, il 31 e il 1 gennaio, per, rispettivamente, organizzare l’inevitabile seratona e poi riprendervi il giorno dopo.

 

Questi 5 giorni sono liberi dallo studio, vi autorizzo io, ve li siete meritati. E ora vediamo come gestire il resto.

 

STUDENTI UNIVERSITARI

Partiamo col descrivere la triste situazione degli studenti universitari… il periodo natalizio di solito è difficilmente “spensierato” perché nasconde in realtà la minaccia fantasma della sessione d’esami, che si apre spesso proprio nei primi giorni di gennaio, al ritorno dalle vacanze.

La sensazione è un po’ quella di scartare un meraviglioso pacco regalo sperando di trovarci dentro il Millennium Falcon della Lego da 7541 pezzi alla modica cifra di 800 euro e invece trovarci la versione 2019 del Codice Civile e leggi complementari a cura di Fausto Izzo per il gruppo editoriale Simone.

Ringrazi a denti stretti, ti fai una risatina di circostanza e dentro la tua anima avvizzisce come un fiore reciso abbandonato sull’asfalto.

Che fare? Prima di tutto, al ritorno dai 3 giorni di stacco totale del 24, 25 e 26 calatevi in 4 giorni di full immersion pre-capodanno. Può sembrare nulla, ma quei 4 giorni in realtà sono fondamentali: il 27, 28, 29 e 30 sono il vostro campo di battaglia, che darà l’avvio a una sessione invernale di successo.

Io vi consiglio, in questi 4 giorni, di immergervi in un unico esame. Solo uno. E lo so che la sessione è composta da tanti esami, questo è vero, ma siete in vacanza, e ancor più del solito vale il concetto di evitare la dispersione e il multitasking. Sfruttate questa prima tranche per dare un avvio deciso all’esame che avete scelto, possibilmente il più difficile e lungo della sessione. Ponete le basi per capitalizzare poi.

Dopodiché, dal 2 gennaio, si apre lo studio più regolare, inizia la maratona vera e propria e qui abbandonate l’idea di sostenere ritmi inumani e cominciate a lavorare con in mente la lunga distanza. Uno studio regolare, sostenibile.

Iniziate le giornate in modo soft, ripassando quello che avete studiato il giorno precedente, e poi andate avanti col programma seguendo il piano che avete certamente realizzato. Lo avete realizzato vero? 

Io consiglio sempre, se possibile, di non studiare più di due esami nella stessa giornata, a dire il vero ritengo molto meglio dedicare l’intera giornata a un unico argomento, ma se proprio siete costretti a dividere la vostra attenzione abbiate almeno cura di lasciare una bella pausa in mezzo.

La cosa migliore, in questo caso, sarà quindi dedicare la sessione di studio mattutino ad un esame, e quella pomeridiano-serale, dopo la pausa pranzo, all’altro. Evitate sempre di alternare più esami nell’arco di pochi minuti.

Valgono sempre tutti i consigli di studio che ho dato nei miei infiniti articoli, video e contenuti online, naturalmente, non è che sotto Natale la struttura della vostra mente improvvisamente si modifichi, vi ricordo però in particolare di dedicarvi più possibile al testing, cioè il principio per il quale si guidano i ripassi e la pratica di quello che avete studiato con esercizi, domande e risposte, quiz, simulazioni d’esame.

Questo ha sempre un effetto eccezionale e impareggiabile sul consolidamento di quanto studiato, ma ha anche il bonus non indifferente di alleviare il tedio dello studio ripetitivo, sfidarvi e sembrare quasi un gioco.

E di sicuro è meno noioso della tombola con i vostri nonni e zii.

 

SCUOLE SUPERIORI

Per gli studenti della scuola invece le vacanze invernali costituiscono una nuova speranza: la speranza di rientrare a scuola senza quell’ansia e quel fiato sul collo di essere indietro con il programma, con le interrogazioni, le verifiche, i recuperi dei debiti e via dicendo.

Speranza vana, a meno che non seguiate quello che sto per dirvi: c’è un solo modo per tornare a scuola dopo le vacanze con successo: compilare LA TABELLA.

E che cos’è LA TABELLA?

È molto semplice in realtà: prendete un foglio e dividetelo in 3 colonne e svariate righe.

 

  • La prima colonna conterrà le vostre materie di indirizzo;

 

  • La seconda colonna conterrà il punto in cui il programma di quella materia si è fermato prima dell’inizio delle vacanze, in altre parole, fin dove è arrivato o arrivata a spiegare l’insegnante.

 

  • La terza colonna, e qui viene il bello, conterrà dove siete arrivati VOI a studiare in quella determinata materia, vale a dire fino a quale punto del programma siete in grado di affermare con certezza di essere sufficienti.

A questo punto è tutto molto chiaro, sapete già dove voglio andare a parare. Il vostro obiettivo durante le vacanze di Natale sarà colmare la differenza fra la seconda e la terza colonna, pareggiandole.

E sì, questo in aggiunta i vostri compiti per le vacanze, o meglio, in congiunzione con essi, visto che potete sfruttarli proprio per rimettervi in pari.

E lo so, cari ragazzi, che state guardando lo schermo del vostro smartphone o computer con aria tramortita perché non vi aspettavate tanta brutalità da parte mia, ma il mio lavoro qui è dirvi le cose come stanno, non dirvi quello che vorreste sentirvi dire. LA TABELLA è la vostra migliore alleata, fidatevi di me.

Questa è la vostra, la tua occasione per rimetterti in pari e ripartire nel secondo quadrimestre finalmente col ritmo giusto, pronto per veleggiare verso la fine dell’anno. E vale doppio se siete all’ultimo anno e c’è pure la maturità o l’esame di terza media.

Vi consiglio di dividere chiaramente in due le vostre giornate durante le vacanze, mezza giornata, il pomeriggio sera, ve la tenete per divertirvi, uscire con gli amici, giocare a Fortnite, stordirvi di canzoni pop coreane o qualsiasi altra cosa voi giovani facciate.

L’altra metà, la mattina, si studia e ci si rimette a posto.

Semplice, efficace, garantito dallo zio ADC.

 

CONSIGLIO FINALE

E poi, visto che è quasi Natale e siamo tutti più buoni, un consiglio bonus finale: che sia inverno, primavera o estate il metodo di studio rimane sempre la base di tutto, se non sapete studiare non andrete da nessuna parte.

E allora quale auto-regalo migliore del mio mitico corso e community Sistema ADC?

Potete anche regalarlo ad amici, parenti, fratelli, cugini, genitori, ed essendo un videocorso digitale, fruibile anche su dispositivi mobili con l’app per Android e iOS, non dovete nemmeno aspettare che il corriere ve lo porti o fare file interminabili al centro commerciale: è il perfetto regalo dell’ultimo momento.

Marchettona natalizia finita, me la perdonerete.

L’anno prossimo salirà ancora di più la qualità dei miei contenuti, sto preparando un palinsesto eccellente e ho in ballo una quantità inverosimile di progetti, non vedo l’ora di svelarveli tutti.

Nel frattempo, come sempre, buono studio e buone feste!

Scopri il mio corso e community sul metodo di studio


Trasforma per sempre il tuo approccio allo studio, all'insegna della scientificità e dell'eccellenza assoluta.

ESPLORA IL CORSO
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.